Area ex Amman: lavoro comune per restituire a Pn un bene di tutti

«Già in occasione del primo assestamento di questa legislatura regionale, nel luglio dello scorso anno, avevo sottolineato l’opportunità e la necessità di recuperare l’ex area Amman per renderla un bene e un’opportunità per l’intera comunità, nonché un asset strategico per il futuro di Pordenone. Per questo avevo presentato un emendamento per chiedere la concessione di un contributo straordinario a favore dell’Amministrazione comunale di Pordenone, del valore di 1,5 milioni di euro, per poter presentare un’offerta vincolante di acquisto dell’area. L’emendamento, trasformato poi in ordine del giorno fu respinto». Queste le mie parole sottolineando come «l’incendio all’Amman riporta in agenda la necessità di trovare una soluzione definitiva per questa zona fragile della città. Una soluzione che, proprio per l’importanza dell’area e il suo valore simbolico, meriterebbe un percorso condiviso finalizzato al bene comune di questa città. Come si è fatto per il nuovo stadio di Pordenone, si può intraprendere un percorso caratterizzato da un’unità d’intenti trasversale, finalizzato a individuare una soluzione per quest’area che può diventare un volano per il futuro della nostra città».

Teniamoci in contatto

Lasciami i tuoi contatti per ricevere aggiornamenti sulle attività della campagna, sulle idee e le proposte delle prossime settimane.