Assestamento: sostegno strutturale a comparto vivaistico-viticolo

«La crisi del comparto vivaistico-viticolo in Fvg, che dal 2015 a oggi ha fatto crollare del 40 per cento il fatturato complessivo e che rappresenta uno dei principali poli mondiali, va messo sullo stesso piano degli altri comparti produttivi regionali, individuando azioni di sostegno strutturali capaci di incidere non solo sull’immediato, ma di dare un fondamentale rilancio». Queste le mie dichiarazioni come primo firmatario di un emendamento riguardante il settore vivaistico viticolo, presentato dal Pd al ddl 141 “Assestamento del bilancio per gli anni 2021-2023”.

Attraverso l’emendamento «si prevedeva una misura di ristoro pluriennale sui prodotti invenduti a fronte di un loro smaltimento certificato. A seguito della disponibilità dell’assessore ad affrontare in occasione della prossima finanziaria, in maniera complessiva e organica la questione dei residui abbiamo ritirato l’emendamento, consapevoli di aver posto l’attenzione su un problema strutturale del comparto. In attesa che la problematica venga inserita in un ragionamento complessivo, proveremo comunque a riproporla in occasione dell’assestamento autunnale perché ne vale la tenuta di un sistema e la sua stessa competitività in un mercato internazionale. L’auspicio è che l’impegno pubblico dell’assessore all’Agricoltura Zannier, durante la discussione dell’assestamento di bilancio, diventi dunque realtà».

Teniamoci in contatto

Lasciami i tuoi contatti per ricevere aggiornamenti sulle attività della campagna, sulle idee e le proposte delle prossime settimane.