Fase 2: creare arene covid free per eventi dal vivo

 

«Tra le ripartenze di questi giorni, un settore che è rimasto al palo è quello degli eventi e della musica dal vivo. Per queste realtà l’emergenza resta altissima e il rischio di perdere tutto è purtroppo concreto. La Regione crei delle arene covid free e le metta a disposizione del comparto degli eventi dal vivo». Questa la mia proposta per sostenere la ripartenza del settore degli eventi dal vivo nella fase 2.

«Il settore è nel pieno di una crisi e sta registrando annullamenti di attività, con prospettive di ripartenza ancora in parte indefinite. Eventi e musica dal vivo rivestono un ruolo centrale nell’economia regionale, con diverse centinaia di attività operanti e migliaia di addetti impegnati nel settore, molti dei quali però esclusi dalle misure governative di sostegno alla crisi. Il settore sta dunque soffocando ed è quindi urgentissimo che la Regione si attivi per individuare e costruire, con relativa assunzione dei costi di gestione, una serie di luoghi all’aperto idonei ad allestire eventi in piena osservanza dei protocolli di sicurezza, e metterli così a disposizione del comparto degli eventi dal vivo, avvalendosi così delle professionalità e delle competenze delle maestranze regionali».

Dalle mie dichiarazioni «un circuito di luoghi in “sicurezza” è una risposta concreta che, alla luce anche dell’ultima ordinanza regionale, permetterebbe di realizzare eventi all’aperto con una capienza massima di mille persone, in grado di distribuirsi equamente nel territorio e sposando così una progettualità di promozione del territorio diffusa. È ovvio  che oltre un necessario stanziamento di fondi ad hoc, le tempistiche dovranno essere compatibili con la stagione estiva, così che sia un volano per il settore turistico».

Teniamoci in contatto

Lasciami i tuoi contatti per ricevere aggiornamenti sulle attività della campagna, sulle idee e le proposte delle prossime settimane.