Regioni: Gruppo Pd, pronti a dare apporto nel dialogo tra Fvg e Governo

«Nel rapporto di dialogo e collaborazione tra la nostra Regione e il Governo, all’interno del più ampio processo sull’autonomia differenziata regionale, terremo, come abbiamo sempre fatto fin’ora, una posizione di responsabilità e trasparenza nell’interlocuzione con Giunta e maggioranza. Dopo le aperture del ministro Boccia al presidente Fedriga, auspichiamo che il dialogo tra maggioranza e opposizione non sia a senso unico». È in sintesi la posizione espressa dai consiglieri del gruppo Pd Fvg che questo pomeriggio hanno incontrato nella sede di Consiglio regionale, insieme agli altri gruppi che fanno riferimento alla maggioranza di governo nazionale, il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia. Al centro dell’incontro, la riforma dell’Autonomia differenziata regionale, che sarà presentata alla Conferenza Stato-Regioni in programma a Roma il prossimo 28 novembre.

«Il ministro Boccia, nel presentarci il processo in atto con le Regioni Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto, ha confermato che questa riforma non avrà effetto sulle Speciali. Anzi, proprio con le autonomie del nord verrà aperto un confronto per le materie corrispondenti, oggetto di revisione con le Regioni ordinarie, proprio per dare omogeneità ai sistemi». Inoltre, commentano i consiglieri Pd, «così come vi è stata apertura al dialogo tra il ministro Boccia e il presidente Fedriga, anche noi intendiamo svolgere il nostro ruolo tenendo un atteggiamento di trasparenza e dialogo in Aula, così come fatto in questo anno e mezzo. Ogni volta che abbiamo ritenuto ci fossero i presupposti per un rischio di contenzioso con lo Stato, lo abbiamo sempre sollevato, anche se spesso inascoltati, con i risultati noti a tutti». 

Teniamoci in contatto

Lasciami i tuoi contatti per ricevere aggiornamenti sulle attività della campagna, sulle idee e le proposte delle prossime settimane.