Scuola: Fedriga pensi più ai giovani e meno ai migranti

«Fedriga si dia delle priorità: pensi più ai giovani e alla loro istruzione e meno alla propaganda sulla pelle dei migranti. La scuola del Fvg non può più aspettare i tempi di un governo troppo concentrato sulla questione migranti (certamente importante) e troppo poco dei bisogni concreti dei nostri cittadini e in particolare dei giovani. Fedriga, nel suo ruolo di presidente, è il primo garante del Fvg e serve un suo intervento immediato per risolvere la situazione e quindi iniziare concretamente un ragionamento per regionalizzare la scuola attraverso l’azione della Commissione Paritetica». Queste le mie dichiarazioni, dopo che nei giorni scorsi ho presentato un’interrogazione al presidente del Fvg, Massimiliano Fedriga e all’assessore competente, per chiarire come la Giunta interverrà, per quanto in suo potere, nei confronti del governo nazionale sulla carenza di dirigenti scolastici.

«Tra le problematiche legate agli insegnanti e la forte carenza di dirigenti, ora c’è anche un’altra delicata questione, quella dei vaccini. Un vespaio che non può essere trattato con trascuratezza lasciando nell’incertezza operatori e famiglie che legittimamente sono preoccupate per la formazione dei loro figli. Serve un’azione decisa da parte della Regione nei confronti dello Stato per risolvere la situazione di uno dei cardini della nostra società e del futuro dei nostri giovani».

Teniamoci in contatto

Lasciami i tuoi contatti per ricevere aggiornamenti sulle attività della campagna, sulle idee e le proposte delle prossime settimane.